The Gimp + Inkscape, il webdesign a portata di opensource

Per quanto tempo ho sognato di poterlo dire. Da qualche mese a questa parte il webdesign è a portata di opensource. The Gimp e Inkscape hanno fatto grandi progressi e sono divenuti più semplici da utilizzare, più intuitivi, potenti ed affidabili. Dopo anni passati a riavviare tra windows e linux, finalmente sono libero di rimanere esclusivamente in compagnia del mio pinguino.

Sembra poco magari, ma fino ad un anno fa nessuno aveva affermato con decisione che su linux era possibile sviluppare agevolmente la grafica di un sito internet – vedi il post sul blog di html.it a proposito di una stazione di design web opensource.
Nemmeno io ero molto d’accordo con l’ipotesi avanzata ed in effetti i commenti si erano accentrati sulle emulazioni con wine di programmi quali photoshop, illustrator & co.

Da oggi però la musica cambia.
Se da tempo non avete provato le nuove versioni di Inkscape e Gimp vi suggerisco di  darci un occhiata e di apprezzarne le potenzialità.

Al più presto pubblicherò nel mio blog una guida in grado di  illustrare attraverso qualche immagine la potenza di questi due strumenti.

Tags: , , , , ,

About Giulio Turetta

Sviluppo e curo siti web dal 1998, amo internet e le opportunità che ci offre. Grazie anche a te, che fai parte di questo mondo fantastico.

Trackbacks / Pingbacks

  1. WebSource, tra il web e l’opensource - September 26, 2007

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: